CORONAVIRUS PROPOSTE E RIFLESSIONI DI ANTONIO URSINO (CATANZARO DA VIVERE), PRESIDENTE COMMISSIONE ATTIVITA’ ECONOMICHE

Martedì 24 Marzo 2020 22:15 di Redazione WebOggi.it

CORONAVIRUS  PROPOSTE E RIFLESSIONI DI ANTONIO URSINO (CATANZARO DA VIVERE), PRESIDENTE COMMISSIONE ATTIVITA’ ECONOMICHE

 

Dichiarazione di Antonio Ursino, presidente della commissione consiliare Attività economiche e componente del gruppo “Catanzaro da vivere”

 

“La serrata imposta dall’emergenza coronavirus continua a farsi sentire sulle attività economiche: ha mandato definitivamente in affanno i negozianti già provati dalla concorrenza dello shopping online. Senza incassi, gli esercenti non ce la faranno a pagare gli affitti di locazione a partire da questo mese e anche i centri commerciali, presto, andranno in sofferenza. Mi preme sottolineare, perché sto ricevendo tantissime telefonate in questo senso, che molti negozi di prossimità potrebbero non superare la crisi: il problema di liquidità non viene per niente risolto dal decreto Cura Italia. Per ovviare almeno in parte a questi nodi, credo sia necessario proporre un’estensione alle locazioni commerciali in essere, applicando la stessa regola introdotta nel 2020 per l’abitativo, per escludere il pagamento delle imposte sui canoni non incassati. Serviranno poi altre misure come l’estensione della cedolare secca agli affitti dei negozi esistenti e più flessibilità alla legge del 1978 per aiutare le parti a trovare un’intesa che salvi il contratto.

 

A questo punto per evitare un procedimento di indebolimento delle attività e programmare un futuro, credo sia indispensabile chiedere al governo quegli aiuti in liquidità che nel decreto Cura Italia sono assenti. Bisognerebbe pensare pure a quelle attività che sono state sospese, le cosiddette non essenziali: laboratori, piccoli artigiani, palestre, negozi ubicati nei centri commerciali. All’estero hanno programmato un bonus giornaliero, per permettere alle attività di sopravvivere e, una volta terminato questo periodo segnato dal coronavirus, avere un futuro.

 

Se la governatrice Santelli dovesse ritenere condivisibili queste mie proposte, mi auguro le faccia proprie e le porti a Roma, sui tavoli del governo nazionale, per spiegare le esigenze che hanno tantissimi catanzaresi, calabresi, italiani”.


Galleria Fotografica




Notizie più lette