Marco Polimeni post Arena: "L’instabilità del Paese e la sfiducia nelle Istituzioni derivano anche dal becero populismo"

Lunedì 13 Gennaio 2020 18:00 di Redazione WebOggi.it

"Ringrazio tutti coloro i quali stanno manifestandomi molteplici attestati di stima, ma soprattutto di appartenenza alla nostra terra, a difesa tanto della legalità quanto della verità."

Così scrive Marco Polimeni, presidente del consiglio comunale di Catanzaro, il giorno dopo il duro scontro avvenuto in diretta ieri sera all'Arena di massimo Giletti.

"Quando sono stato contattato da la7 in veste di rappresentante del Comune di Catanzaro, seppure fossi pienamente consapevole che sarebbe stato difficile dialogare nella “Arena” di Giletti, non ho dubitato un istante: il non aderire avrebbe comportato l’ennesimo attacco senza contraddittorio alla nostra terra.

Sarebbe stato sicuramente più comodo declinare l’invito guardando la trasmissione dal divano di casa, ma non è questo il motivo per cui sono stato eletto né tantomeno è questo il motivo per cui ricopro il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale.

L’instabilità del Paese, la sfiducia nelle Istituzioni e le condanne da talk-show derivano anche dal becero populismo del “prendete i soldi”, citando Giletti (per poi ritrattare prontamente pochi istanti dopo).

Inutile altresì ribadire che non sono personalmente coinvolto negli avvisi di garanzia emessi dal Tribunale di Catanzaro, ma che non ho reputato ciò sufficiente per gettare in mare l’Istituzione che rappresento, che siano essi avversari o alleati politici.
Ciò che difendo non sono gli uomini, bensì la funzione delle istituzioni calabresi.

In merito all’inchiesta sui rimborsi, ribadisco che il mio solo ed inequivocabile auspicio è che la Giustizia condanni chi ha realmente sbagliato; tale compito non spetta nè al Sig. Cecchi Paone, secondo cui “quasi la totalità della classe dirigente della Calabria è gentaglia disonesta”, nè ad alcuno opinionista televisivo o commentatore social.

Per le Istituzioni, per il Sud, per la Calabria. Sempre dalla parte del “esercito dei 50 mila”: studenti, dottorandi, ricercatori delle Università calabresi che possono e devono credere in una Calabria migliore."

Ecco il video della diretta di ieri all'Arena su La7

video giletti- polimeni


Galleria Fotografica




Notizie più lette