Sanità, interrogazione on. Wanda Ferro (FDI) dopo lettera di Scura: il governo verifichi Lea e disavanzo

Venerdì 12 Luglio 2019 15:00 di Redazione WebOggi.it

I contenuti della lettera che l’ex commissario alla Sanità della Regione Calabria, Massimo Scura, ha inviato ai parlamentari calabresi, sono stati ripresi da una interrogazione che il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro ha indirizzato al presidente del Consiglio e ai ministri della Salute, dell’Economia e per la Pubblica amministrazione. L’on. Ferro fa riferimento a quanto contenuto nella relazione illustrativa al “decreto Calabria”, con cui il Governo ha adottato misure emergenziali per il servizio sanitario della Regione Calabria e altre misure urgenti in materia sanitaria, e in cui si dichiara espressamente che “il punteggio complessivo per il 2017 della c.d. griglia LEA si attesta per la Regione Calabria su un punteggio pari a 136 che, secondo i parametri di riferimento fissati dal Comitato paritetico permanente per la verifica dell’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza (Comitato LEA) (range 25-225; positivo a 160), risulta sotto la soglia di adempienza e in preoccupante flessione rispetto alla precedente annualità. A tale specifico riguardo, non può non darsi rilievo alle recentissime valutazioni effettuate in occasione della periodica riunione congiunta di verifica del Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti e del Comitato LEA per il monitoraggio dello stato di attuazione del Piano di rientro della regione Calabria, che ha avuto luogo il 4 aprile 2019, che, dunque, recano la più attendibile ed aggiornata rappresentazione dello stato della sanità calabrese”. Nella sua lettera l’ex commissario Scura ha tuttavia rappresentato le proprie perplessità circa il calcolo dei LEA, sostenendo che  “i Lea 2018 hanno superato il valore 161. Non erano stati inviati i flussi a Roma da parte delle aziende sanitarie. Mancano ancora i dati della prevenzione che valgono altri 6-10 punti. Pertanto il valore 2018 va da 167 a 171” e ancora che “Lo stesso disastro, provocato dal mancato inoltro dei dati, si era verificato nel 2016 e nel 2017.” e quindi che “…il livello dei Lea effettivo era di 153,5 nel 2016 e di 161 nel 2017”. Inoltre l’ing. Scura ha contestato la correttezza dei dati inerenti la mobilità extraregionale e la vera entità del disavanzo finanziario. “Visto il ruolo ricoperto dal commissario Scura per molti anni, le sue accuse non possono essere sottovalutate. Alla luce delle sue considerazioni i LEA dichiarati dal Governo sono quanto meno discutibili”, ha affermato l’on. Ferro, che ha chiesto ai rappresentanti del governo di sapere se siano “a conoscenza delle osservazioni formulate dall’Ing. Scura e se le stesse corrispondano al vero”, “se il Governo non ritenga opportuno avviare, immediatamente, una nuova verifica dei LEA della Regione Calabria per gli anni 2016, 2017, 2018” e “se il Governo non ritenga opportuno disporre una verifica ispettiva, avvalendosi della Ragioneria Generale dello Stato e dell’Ispettorato per la funzione pubblica, presso gli enti del servizio sanitario calabrese per accertare la reale consistenza del disavanzo finanziario”.


Galleria Fotografica




Notizie più lette